Carta etica

IL PATRIMONIO ETICO E’ UN ELEMENTO DI QUALITA’

La Carta Etica è un documento con cui un’organizzazione esplicita i valori e il patrimonio ideale che sta alla base del Patto Associativo, assumendo la propria storia ed identità come risorsa

Rendere presente la storia della Cooperativa, il patrimonio esperienziale e professionale comune, permette di richiamare costantemente ai Soci le motivazioni fondanti del Patto Associativo e di costruire nuove ragioni di appartenenza dentro il cambiamento dell’organizzazione

E’ possibile così riconoscersi pur nella diversità di ciascuno, accomunati nella costruzione di un progetto ideale in cui poter esprimere le proprie capacità e il proprio modo di essere nel mondo, dando voce e forma alle proprie idee

La responsabilità etica di scegliere tuttavia non è solo individuale, ma si configura come responsabilità sociale e collettiva, in particolare per una Cooperativa che ha un ruolo sociale nel territorio e vuole essere agente di trasformazione

La Carta Etica si presenta così come strumento trasparente per verificare e garantire la coerenza fra le scelte praticate e i valori enunciati, rendendo visibili la qualità e il senso profondo delle dimensioni immateriali che la Cooperativa ha individuato come istanze etiche

La Carta Etica di conseguenza non si declina su un piano astratto, non indica solo orizzonti di idealità, ma descrive le condizioni per realizzare il progetto d’impresa sociale, è strettamente intrecciata alla capacità di individuare e rispondere ai bisogni, alla necessità di elaborare un modello organizzativo e manageriale sostenuto da elementi di qualità

I valori, le scelte programmatiche, le modalità relazionali che compaiono in questo documento, sono dunque strumenti d’orientamento politico dell’organizzazione, costruiscono relazioni di fiducia con i soci e con le realtà istituzionali e le risorse territoriali, permettono di acquisire riconoscimento esterno della propria identità

Finalità Statutarie

Art. 3 “La Cooperativa ha lo scopo di perseguire l’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini attraverso la gestione di attività produttive nelle quali realizzare l’integrazione lavorativa di persone socialmente svantaggiate”

Le ragioni di una scelta: obiettivi guida e valori sociali

La Cooperativa Solaris Lavoro e Ambiente ha deciso di dotarsi di una Carta Etica, elaborando un documento che pur rimanendo nell’alveo delle finalità statutarie, fosse adeguato tuttavia all’evoluzione e alla trasformazione interna dell’organizzazione e alle nuove sfide che oggi vengono richieste alle cooperative sociali nei confronti dei cambiamenti avvenuti nella realtà economica-sociale e politica

Molteplici fattori hanno influito su questa decisione da parte della Cooperativa:

una crescita dimensionale del fatturato e delle attività, cui si accompagna un aumento di lavoratori occupati. Questo dato in controtendenza rispetto al mercato, testimonia concretamente la volontà di perseguire una strategia occupazionale coerente con le scelte statutarie e con il ruolo politico e sociale che la Cooperativa vuole ricoprire, in grado di offrire opportunità e percorsi d’autonomia che vedono il lavoro come elemento centrale e di proporsi come efficace risorsa per il territorio

Le trasformazioni del mercato e l’apparire di nuove emergenze vedono la presenza sempre più diffusa nel terzo settore di soggetti che offrono servizi, la cui proposta non sempre è adeguata ai bisogni e trasparente nella gestione

La Cooperativa attraverso la Carta Etica presenta la sua identità di impresa sociale con l’obiettivo di fornire servizi tecnici e percorsi di inserimento che rispondano in modo efficace ai bisogni dei cittadini, dotandosi di strumenti e strategie che sappiano elaborare proposte innovative e diffondano la cultura della solidarietà

A tal riguardo si è dotata di nuove figure professionali e nuovi ruoli gestionali per meglio rispondere ai cambiamenti strutturali e ai mutamenti organizzativi interni, ha offerto ai suoi soci momenti di formazione tecnica e relazionale al fine di sviluppare nuove competenze professionali e progettare più efficaci modelli di prevenzione e sostegno del disagi in collaborazione con altre realtà territoriali (servizi, altre cooperative, ecc.)

E’ in questo quadro di trasformazione complessiva che la Cooperativa ha colto l’occasione per interrogarsi sulle motivazioni che stanno alla base del progetto d’impresa e del patto associativo, chiedendo il contributo e la partecipazione di tutti i Soci

Il percorso di costruzione della Carta Etica ha privilegiato una modalità partecipativa che ha coinvolto i soci in momenti assembleari, lavori di gruppo, questionari, ecc., e che ha favorito la riflessione collettiva e valorizzato le risorse interne nella realizzazione di un documento elaborato “su misura”, in grado di focalizzare le specificità della Solaris Lavoro e Ambiente, gli obiettivi sociali e i valori guida di riferimento che trovano appunto conferma e visibilità nella “Carta Etica”

Come si esprime il patrimonio etico – valoriale nella Cooperativa Solaris Lavoro e Ambiente

Protagonisti del cambiamento (il Ruolo Sociale)

Promozione di un’economia sociale


Per la Cooperativa è fondamentale cimentarsi nel realizzare un’economia che sappia coniugare produttività e solidarietà “in un’armonica relazione, perché è giusto e solidale dare a tutti la possibilità di concorrere alla produzione della ricchezza e di goderne di un’equa distribuzione” L’obiettivo perseguito e realizzato in questi ultimi anni è lo sviluppo dell’occupazione, quale garanzia indispensabile per il benessere dei soci e non solo, nella costruzione di una società che tuteli i diritti di tutti i soggetti sociali, affinché tutti si sentano a pieno titolo cittadini partecipi di una società civile

Promozione umana e capacità di integrazione

L’obiettivo condiviso dai Soci è quello di essere attenti ai processi di trasformazione ed emarginazione sociale per progettare e sviluppare percorsi di inserimento lavorativo per persone che manifestino forme di disagio, attraverso un modello esplicitato e visibile.

A tal riguardo la Cooperativa si è dotata di un ufficio di “progettazione sociale” che ha il compito di programmare, realizzare e valutare gli interventi di inserimento socio-lavorativo in collaborazione con i servizi socio-sanitari del territorio e, attraverso borse lavoro o tirocini, offre l’opportunità di acquisire competenze professionali, promuove l’autonomia e il reinserimento sociale dei partecipanti

Cura della Rete

L’intervento sulle problematiche attuali necessita di conoscenze e competenze complesse che ogni Ente o singolo soggetto fornisce a partire dalle sue specificità e dal ruolo che ricopre. La Cooperativa ritiene fondamentale pertanto costruire alleanze con i soggetti e le Istituzioni del territorio e con tutte quelle agenzie che lavorano per sviluppare socialità e interventi sulla prevenzione della marginalità; tali obiettivi vengono perseguiti mettendo in campo risorse e sinergie nella progettualità con i servizi e nello sperimentare nuove e più efficaci risposte ai bisogni sociali emergenti

In questo quadro si inserisce la fattiva collaborazione con altre cooperative e Consorzi su progetti sociali integrati

Visibilità sul Territorio e ruolo attivo nelle trasformazioni del Welfare Territoriale

La Cooperativa ha scelto di interpretare un ruolo attivo nel suggerire nuove regole al mercato e nuovi modelli di socialità e partecipazione dei cittadini nella trasformazione del territorio attraverso la produzione di beni con valore d’uso e di utilità sociale, rendendo visibile ciò che si fa e il valore aggiunto delle scelte effettuate, adottando nella propria organizzazione la stesura annuale di un Bilancio Sociale, strumento utile per dare evidenza alla complessità delle diverse ricchezze prodotte

Professionalità e qualità (il Lavoro)

Tutela dei Diritti

La gestione dell’impresa mira a promuovere la valorizzazione delle risorse interne garantendo ad ogni Socio uguali opportunità, un salario dignitoso tutelato dal contratto di lavoro del settore delle cooperative sociali e da un regolamento interno elaborato collettivamente e revisionato periodicamente. Per i lavoratori non soci vengono applicati i contratti C.C.N.N.

Sono rispettate e valorizzate le capacità dei singoli, le differenze d’idee, le specificità di ruoli e competenze che favoriscono un contributo arricchente per tutta la Cooperativa

Relazioni di qualità: attenzione alla persona e condivisione dei problemi

La Cooperativa segue un modello produttivo etico solidale nel quale il lavoro è inteso non solo come produzione e servizi, ma anche come realizzazione del benessere di coloro che in Cooperativa lavorano, attraverso una modalità organizzativa che presti attenzione al clima relazionale, alla condivisione dei problemi quotidiani, ai momenti di socializzazione, al riconoscimento e all’accoglienza delle diversità individuali.

 

Condividere e cooperare (la Partecipazione)

Responsabilità condivise

La condivisione delle finalità statutarie, degli obiettivi e degli ideali è uno dei pilastri su cui si fonda l’adesione dei Soci alla Cooperativa, ma l’altro pilastro è sicuramente la partecipazione alla vita dell’impresa, alla sua gestione, ai risultati e ai rischi che questo comporta

Ogni Socio contribuisce al progetto di lavoro, che è anche un progetto sociale e politico offrendo le proprie idee, il proprio tempo, le proprie capacità e assumendosi le responsabilità delle scelte strategiche che vengono effettuate

L’assunzione e la distribuzione delle responsabilità rende così funzionale e trasparente la gestione organizzativa e politica della Cooperativa alla quale i soci sono responsabilmente vincolati

 

Gestione partecipata

Ogni Socio è protagonista ed esercita attivamente la democrazia, potendo esprimere le proprie idee attraverso le discussioni con gli altri negli spazi reali che vengono proposti frequentemente come momenti di partecipazione (assemblee dei Soci, incontri di gruppo di lavoro, coordinamento dei capisquadra)

Cruciale risulta essere l’informazione su ciò che accade e ciò che viene deciso nei vari settori affinché vi sia trasparenza nelle scelte, altrettanto importante è la valorizzazione delle idee e delle esperienze affinché tutti, anche i nuovi arrivati, si sentano protagonisti di un processo e di un percorso al quale possono e devono contribuire .

Qualità dell’essere, qualità del fare (la Formazione)

La sfida della qualità

La formazione è un patrimonio, una risorsa importante e appartiene al valore aggiunto sul quale la Cooperativa ha deciso di investire cogliendo la sfida che la qualità chiede

La valorizzazione delle competenze professionali interne e il continuo adeguamento delle capacità tecniche ai settori lavorativi intrapresi è indispensabile per essere competitivi, così come la possibilità di acquisire nuove conoscenze è elemento necessario per fornire servizi di qualità in un mercato in continua evoluzione

Per realizzare tale obiettivo, la Cooperativa ha scelto come strumento non occasionale la formazione che si concretizza attraverso corsi professionali, un seminario annuale residenziale, l’utilizzo di risorse esterne competenti e il lavoro di un formatore

La formazione relazionale

Accanto ad una formazione più squisitamente professionale legata al settore produttivo, viene proposta anche una formazione relazionale e culturale, strumento indispensabile per indagare la complessità della società attuale e per affrontare in modo adeguato i processi d’inserimento lavorativo, realizzando processi di qualità, sviluppando responsabilità individuali e collettive attraverso un lavoro di rete col territorio.